Quali sono i vantaggi per chi studia l'italiano in Svizzera?

L’obiettivo principale dei corsi di lingua e cultura nelle circoscrizioni consolari è quello di promuovere la diffusione della lingua e cultura italiana, ma soprattutto di sviluppare un progressivo plurilinguismo, attraverso una crescente padronanza dell’italiano scritto e parlato e una conoscenza essenziale della nostra storia civile e culturale. Il plurilinguismo contribuisce in modo determinante al successo lavorativo e professionale nella società svizzera. Le ricerche in ambito linguistico hanno dimostrato che chi possiede valide competenze nella lingua materna è avvantaggiato nell’apprendimento delle altre.

Possono frequentare i corsi anche alunne/i che non conoscono la lingua italiana. Le lezioni prevedono percorsi personalizzati e individualizzati, “a misura” di ogni alunna/o, tenendo conto delle loro diverse abilità.

A tutti gli/le allievi/e dei corsi di lingua e cultura sarà rilasciato un ATTESTATO di FREQUENZA (o giudizio nella scheda di valutazione) in concomitanza alla frequenza della scuola dell’obbligo svizzera.

Inoltre, la frequenza dei corsi di lingua e cultura italiana consente alle studentesse e agli studenti delle classi terminali di sostenere l’esame per ottenere una certificazione linguistica riconosciuta in tutta Europa e di primaria importanza per l’inserimento nel mercato del lavoro. Questa attestazione si può inserire nel Passaporto delle Lingue, riconosciuto in tutta la Svizzera e permette di accedere alla formazione e alle professioni in cui è richiesto il plurilinguismo. Le scuole e i Dipartimenti Istruzione di diversi Cantoni consigliano la frequenza dell’offerta formativa consolare.

Su apposita segnalazione dei docenti le studentesse/gli studenti possono partecipare ai seguenti esami di certificazione linguistica, così ripartiti:

  • CELI - Certificazione di conoscenza della lingua italiana (Università per stranieri di Perugia)
  • CILS - Certificazione di italiano come lingua straniera (Università per Stranieri di Siena)
  • PLIDA - Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri (Società Dante Alighieri)

Per la maturità professionale generale è richiesto il livello B1, per quella “economia e servizi, tipo economia” è richiesto il livello B2.

Lista aggiornata dei diplomi di lingua riconosciuti dalla SEFRI (il riconoscimento è condizione sine qua non per richiedere la conversione del diploma in una nota).

Scritto da: